IL SALAME CONTADINO TRADIZIONALE MANTOVANO

La Condotta ha condotto una storica battaglia per la difesa del salame tradizionale contadino mantovano.

Ha organizzato convegni, incontri, degustazioni comparate fino al momento in cui il Salame contadino mantovano è divenuto presidio Slow Food. Questa battaglia, durata alcuni anni, ha posto l’accento sulla necessità di promuovere un allevamento non intensivo rispettoso del benessere dell’animale, e di realizzare salumi senza l’uso di additivi e stagionati secondo una prassi tradizionale.

Senza_titolo.jpg (Nella foto Claudio Mezza uno dei migliori produttori della provincia con i suoi salami).

 

 

IL SALAME CON LA LINGUA

Si tratta di un prodotto tipicamente mantovano che viene consumato in primavera e specialmente nel giorno dell’Ascensione (40 gg dopo Pasqua) soprattutto nelle osterie fuori porta Si tratta di un salame in cui è infilata una lingua di maiale che dopo essere stato stagionato viene servito lessato nell’acqua in guisa di cotechino. E’ un prodotto che a causa del consumo stagionale e dell’esigenza di una complessa preparazione di cucina è sempre meno consumato con il rischio di una rapida estinzione

LINGUA.jpg

 

LO SPALLOTTO VIADANESE

Antico salume ancora presente a Viadana  anche rischia l’estinzione per essere prodotto da un solo norcino.

Luigi Pezzi titolare di una azienda artigianale nei pressi di Viadana è l’ultimo produttore.  Si tratta di una spalla intera che viene disossata, secondo una tradizionale tecnica e quindi stagionata cruda, come un culatello.

SPALLATTO_VIADANESE.jpg

 

IL MELONE MANTOVANO DI QUALITA’

Numerose sono state anche le iniziative volte a far conoscere produttori bio del melone di qualità che è ottenuto non solo attraverso una coltivazione non intensiva, ma anche attraverso la proposta di cultivar particolari più delicate che richiedono una maggiore cura anche nella conservazione e nel trasporto.

Il melone liscio cultivar denominata Honey Moon (Luna di miele foto)MELONE1.jpg

quello leggermente retato denominato Honey sweet  (Dolce miele) MELONE_2.jpg

 

e infine quello retato denominato Capitol MELONE_3.jpg

sono quelli che danno garanzia totale di qualità e che invece sono disdegnati dalle produzioni industriali che mettono sul mercato prodotti a prezzo stracciato, ma molto scadenti. Va ricordato inoltre che tali prezzi stracciati sono il frutto di una coltivazione in cui si sprecano i fertilizzanti e i pesticidi chimici e di uno sfruttamento al limite della schiavitù degli extracomunitari soprattutto di colore impiegati nella raccolta. Bisogna rifiutarsi di acquistare tali prodotti che sono cattivi, non sostenibili e ingiusti.

 

 

Il SALTARELLO

In questo ultimo periodo l’attenzione della Condotta si è rivolta verso la salvaguardia della biodiversità dei pesci di acqua dolce sulla quale si basa una gastronomia complessa, antichissima e molto amata dai mantovani. (vedi Acqua interne, per un pesce buono, sano e sostenibile (news)) 

Il simbolo di questa gastronomia è il SALTARELLO

SALTARELLO.jpg

un piccolissimo gambero di fiume che viene impiegato in un famoso risotto e per farcire gustose frittate